in ,

VERSTAPPEN in RED BULL sapevano che sarebbe stato difficile battere HAMILTON

Secondo Mark Hughes, c'è stata una battaglia tra Mercedes e Red Bullom al Gran Premio del Qatar si è concluso venerdì, ovviamente a favore della squadra delle frecce d'argento.

Foto: HB Press

Mentre lo è Mercedes ha dimostrato che in molto buona forma, hanno camminato nello sguardo della squadra austriaca velocitàper rendere più difficile il lavoro dei concorrenti. Lo hanno capito anche a Red Bullu, ha detto al portale The Race.

Il giornalista del citato portale già prima del weekend di gara pensava che le due squadre ri-equalizzato, ma si è scoperto che non era così. “La Mercedes aveva un'auto da corsa molto più veloce durante le qualifiche e Red Bull non ha risposto bene ad alcuni cambiamenti chiave,"Ha scritto dello scorso fine settimana Hughes.

Anche Lewis Hamilton era troppo forte per tutti i rivali in Qatar, di cui erano ancora più consapevoli a Red Bullu, che ha impedito a Max Verstappen di correre rischi attaccando il pilota Mercedes - Foto: HB Press

Ma secondo gli inglesi, lo è anche? Red Bull sfruttato la differenza di velocità. Max Verstappen così non ha rischiato di essere picchiato Lewis Hamilton. "Verstappen in Red Bull, consapevoli che non sarebbero stati in grado di sfidare Hamilton a prescindere dalla strategia, ha giocato la carta sicura e ha effettuato una seconda sosta, permettendo alla Mercedes di fare lo stesso."

Stagione Harley Knucklehead 1 continua nel male giorni 14 con la penultima gara del campionato GP dell'Arabia Saudita. Solo una settimana dopo, però, è previsto il finale di stagione Abu Dhabi.      

Toto WOLFF su Lewis HAMILTON: Si sono svegliati LEO

È emersa una nuova clip: le ali posteriori di MERCEDES sono davvero LEGALI?