in , ,

La storia dell'aerodinamica in Audi: tempi ventosi

Una nuova mostra speciale a Ingolstadt e Zwickau ripercorre la storia della lotta al vento

Il tema della nuova mostra speciale in Museo Audimobile difficilmente potrebbe essere più attuale, visto che è merito della mobilità elettrica aerodinamica è diventato ancora una volta un tema centrale nello sviluppo dei veicoli. L’argomento però non è affatto nuovo, anche se molti Audi si collegano principalmente al modello Audi 100 (C3) del 1982.

Audi Tradition ora porta tutti gli interessati alla tecnologia in un viaggio attraverso la storia dell'aerodinamica e in mostra "Windschnittig“V Museo Audimobile a Ingolstadt mostra gli inizi dei concetti aerodinamici nella tecnologia automobilistica fino al 1945. Allo stesso tempo, il museo Agosto Horch v Zwickau continuare con la sezione "Modulo compilato", che copre l'intero sviluppo dell'aerodinamica fino ai giorni nostri. Puoi vedere entrambe le mostre fino a giugno 2024. Da luglio 2024 la seconda parte della mostra sarà poi "La forma è completa", visibile in Museo Audi di Ingolstadt. Non saranno esposti solo i veicoli aziendali Unione automatica in Audi, ma anche esposizioni di altri marchi.

Edmund Rumpler, Paolo Jaray e barone Reinhard von Koenig-Fachsenfeld – chi studia la storia dell’aerodinamica non può ignorarli. Voi tre pionieri dell'aerodinamica cominciò ad adattarsi poco dopo il 1900 la forma del corpo veicoli a motore al flusso d'aria. Hanno avuto idee sorprendenti che sono state incoraggiate dai tempi crescente entusiasmo per l’aviazione, e spesso si ispiravano a motivi naturali: le forme delle ali e delle goccioline erano una fonte fondamentale di idee per gli inventori.

Ma ingegneri all'inizio non è stato affatto facile acquisirlo approvazione per i loro approcci, come i loro corpi dal design aerodinamico, su cui erano basati scoperte scientifiche, troppo deviato da come sono acquirenti e produttori ricercato, per far sembrare bella l'auto. Tuttavia è iniziato un ripensamento, al quale hanno contribuito nuovi metodi di ricerca e progettazione, come la ricerca nella galleria del vento. Linea di flusso è un termine usato in meccanica dei fluidi. Questa particolare forma ha affascinato i ricercatori aerodinamica soprattutto tra le due guerre mondiali. Lo scopo degli ingegneri era ridurre la resistenza aerodinamica carrozzerie dei veicoli, riducono il consumo di carburante e rendono le auto più adatte ai lunghi viaggi.

Un campo di allenamento ideale è per i produttori sport motoristici. Il reparto corse dell'azienda AutoUnion AG ad esempio, all'inizio del 1937 iniziò a sviluppare un veicolo completo Streamline, che era basato sul modello Unione automatica tipo C. Il motore e il telaio rimasero praticamente invariati. Progetto carrozzeria di flusso era in gran parte basato sul lavoro Josef Mickle, aerodinamica v Porsche ufficio edile. L'auto progettata fece la sua prima apparizione in una gara AVUS nel 1937 e in molte corse record ha raggiunto una velocità record superiore a 400 kmh.

Nuova mostra speciale "Windschnittig” al Museo Mobile Audi non solo rappresenta ricerca e sviluppo, ma anche personalità alla guida e concetti aerodinamici fondamentali del periodo fino al 1945. Sono anche in mostra veicoli rari e unici – un totale di più di una dozzina di grandi mostre. Documentano una combinazione speciale efficienza, durata e design nel campo dell'aerodinamica. Stefan Felber, curatore dell’Audi Mobile Museum: “Il pezzo forte della nostra speciale mostra multimarca è il modello Audi Type C Jaray completato nel 2023. Fino ad ora, gli esperti hanno ipotizzato che questa vettura fosse stata costruita da Paul Jaray sull'Audi Type K dell'epoca in preparazione alla mostra speciale. Le ricerche effettuate dal team della fiera hanno dimostrato che la base di questo veicolo era sicuramente l'Audi Type C." Menzionato Jaray tipo C puoi vederlo nella nostra immagine di copertina.

Per sapere come stanno le cose aerodinamica sviluppata dopo il 1945, immergiti nella storia dell'aerodinamica del dopoguerra Zwickautu. I visitatori del museo possono vedere la mostra successiva "Modulo completato"guardano quasi due dozzine di grandi mostre e altri modelli. Tra loro ci sono anche delle modelle NSU Ro 80 e poco conosciuto Audi Scorpione (che abbiamo già segnalato a parte), che è stato progettato nel 2013. Visita al museo Agosto Horch ma è prezioso anche in generale, soprattutto per quanto riguarda la storia automobilistica della DDR.

Tommaso Stebich, che è responsabile di entrambi Il Museo Mobile dell'Audi come un museo Agosto Horch, sottolinea: "Nella nostra serie di mostre in due parti, per la prima volta in entrambi i musei, presentiamo il tema dell'aerodinamica in una panoramica completa dagli inizi ai giorni nostri."

Aggiungi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. * Indica i campi obbligatori

Bizzarro: DARTZ Prombron Iron Diamond CLV

L'Alfa Romeo Sprint Restomod è stata ispirata da un'auto da rally del Gruppo B abbandonata