in ,

Mentre gli Stati Uniti e l’UE aumentano le tariffe, l’Australia sta aprendo le porte ai veicoli elettrici cinesi

Il mercato australiano dei veicoli elettrici è in crescita e anche la Cina sta cercando di accaparrarsi la sua fetta di torta. Ma può togliere la corona a Tesla?

La Cina deve trovare nuovi mercati per i suoi veicoli elettrici. Mentre c'erano le case automobilistiche apparentemente escluso dagli Stati Uniti, si trovano ora ad affrontare tasse aggiuntive che minacciano di rendere la loro offerta non competitiva in Europa.

Mentre il resto dell’Occidente ha dichiarato guerra ai veicoli elettrici cinesi, però Australia non ha tali restrizioni, quindi questo paese è un obiettivo primario per molte nuove introduzioni. Sebbene Tesla abbia finora dominato il mercato australiano dei veicoli elettrici, la concorrenza si sta già intensificando.

MG, di proprietà della SAIC affiliata al PCC, ha visto il successo con un veicolo elettrico ZSEVe prevede di inviare più veicoli sul mercato quest'anno MG3 e Cyberster. Nel frattempo, BYD ha anche presentato la sua gamma di auto, tra cui Atto 3, Delfino e Foca, e a gennaio è persino riuscito a superare di poco Tesla. XPeng, Geely, Changan in Salta il motore nel frattempo, intendono entrare nel mercato australiano.

MG, di proprietà della SAIC affiliata al PCC, ha visto il successo con un veicolo elettrico ZSEVe prevede di inviare più veicoli sul mercato quest'anno MG3 e Cyberster.

Mentre lo sono Gli Stati Uniti hanno intensificato gli sforzi per impedire l’ingresso delle case automobilistiche cinesi sul mercato, lo è L’UE propone tasse fino al 38%, a seconda della valutazione del gruppo sui sussidi statali. Al contrario, un portavoce della Camera federale dell’industria automobilistica australiana (FCAI) ha affermato che è necessario sostenere la concorrenza nel mercato automobilistico.

In una conversazione per News.com.au è un rappresentante FCAI disse: “La maggiore concorrenza ha dato agli australiani l’accesso a una vasta gamma di veicoli per soddisfare i loro diversi stili di vita, esigenze e fasce di prezzo. La disponibilità di veicoli di fabbricazione cinese ha ampliato la scelta dei consumatori e ha consentito agli australiani di acquistare le auto che meglio si adattano alle loro esigenze di lavoro, tempo libero e familiari”.

La domanda australiana di veicoli elettrici continua a crescere, con vendite destinate a raggiungere il 2023 98.000 veicoli, che rappresenta più della metà della popolazione totale di veicoli elettrici australiani. A ciò contribuisce anche la Strategia nazionale per i veicoli elettrici del governo, che incoraggia l’uso dei veicoli elettrici mentre lo è Agenzia australiana per le energie rinnovabili stanziati 500 milioni di dollari ampliare l’infrastruttura di ricarica per i veicoli elettrici.

Ma Scott Dwyer, direttore della ricerca presso l'Istituto per un futuro sostenibile presso Università della Tecnologia di Sydney, avverte che la tendenza potrebbe cambiare. "C'è ancora il rischio che il mercato dei veicoli elettrici si fermi e rallenti nel nostro Paese, come abbiamo visto nei mercati più sviluppati", ha affermato. “La sfida qui sarà quella di garantire che l’implementazione dell’infrastruttura di ricarica in Australia tenga davvero il passo o superi le vendite di veicoli elettrici”.

Aggiungi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. * Indica i campi obbligatori

La BMW sta lottando per fermare la vendita di auto bruciate dal cantiere della Fremantle Highway

La Mercedes sta ancora una volta spendendo più soldi sui motori a combustione interna