in

Chi è più veloce, IndyCar o F1?

Dato che praticamente non hanno mai corso sugli stessi circuiti, non è stato possibile un confronto diretto tra la Formula 1 e la serie americana IndyCar.

Ma ora entrambe le gare hanno la stessa pista all'ordine del giorno, Circuito delle Americhe in Texas Austin, che consente un confronto diretto tra le due auto da corsa.

Il Circuit of the Americas di Austin è, dopo molto tempo, la prima pista ad essere presente sui calendari della serie IndyCar e Formula 1.

Le auto da corsa di Formula 1 e IndyCar sono simili, ma allo stesso tempo significativamente diverse. Auto da corsa di serie IndyCar il suo design ricorda le auto da corsa di Formula 1 di due decenni fa, e tutto è impostato su un livello di costi molto più semplice e più basso. Una serie creata dopo la riunione delle competizioni CARRELLO in IRL, si basa su un singolo chassis, che viene riprogettato ogni anno a Dallari. Gli unici team di sviluppo che possono eseguire sono limitati al telaio. In Formula 1, tutto è dieci volte più grande, più costoso, più estremo e più complicato.

Circa venti anni fa, almeno per quanto riguarda i motori, i poteri tra la F1 e la Indy erano uguali.

Ci sono stati dibattiti inn per decenni, chi è in realtà più veloce, Formula 1 o IndyCar. Venticinque anni fa, i motori della serie Indycar raggiunsero livelli atmosferici in Formula 1. In termini di potenza, sicuramente IndyCar è un'auto da corsa più versatile, dopotutto, tra le piste del calendario ci sono piste cittadine, piste da corsa reali e ovali. La Formula 1 non è progettata per le corse su ovali, in quanto un ibrido V6-turbo verrebbe trasformato in un classico motore a combustione interna senza assistenza elettrica in tal caso.

Entro il 2019, le auto da corsa della serie IndyCar sono diventate più compatte.

Entrambe le serie hanno recentemente cambiato l'aspetto delle loro auto da corsa. IndyCar presentato nel 2018 design più compatto un'auto con minore resistenza aerodinamica mentre formula 1 nel 2017 è passato a macchine da corsa più ampie, che creano una pressione significativamente maggiore sul terreno e quest'anno le cose in questa zona sono diventate ancora più sfumate.

In Formula 1, tutto è dieci volte più grande, più costoso, più estremo e più complicato.

Marcus Ericsson, anche lui un pilota Alfa Romeo Sauber la scorsa stagione, ha avuto l'opportunità di guidare entrambe le vetture, e ha riassunto la differenza tra loro come segue: “L'auto da corsa di Formula 1 ha una pressione significativamente maggiore sul terreno, il che rende le qualifiche significativamente più divertenti rispetto a Indy. Nei duelli, preferirei IndyCar, perché in un'auto americana è molto più facile seguire l'auto davanti a te. "

Alla fine dei dibattiti sulla locanda, un confronto diretto è qui

Per molto tempo, non è stato possibile effettuare un confronto diretto tra le due auto da corsa. La Formula 1 e IndyCar si sono evitate a vicenda per decenni sulla gamma di gare nei loro calendari, fino a quest'anno, quando anche la serie di gare IndyCar includeva Circuito delle Americhe v Austin. Gli americani non nascondono eccessivamente i loro dati, quindi i loro colleghi lo sono Auto Motor und Sport puoi facilmente estrarre tutto il necessario per un confronto diretto tra i turni di qualificazione Volontà v Penske-Dallara Chevrolet, presa il 23 marzo 2019 e Lewis Hamilton v Mercedes del 20 ottobre 2018. Anche la Mercedes ha offerto aiuto per il confronto e anche i dati GPS della pista lunga 5,513 km, che è divisa in 20 minisettori tra 121 e 625 metri di lunghezza, hanno aiutato.

L'autistaSquadra (serie)tempo
Lewis HamiltonMercedes (F1)1: 32,250 min
PoterePenske-Dallara (IndyCar)1: 46,017 min
Δ +13,767 secondi

Non compliceremo troppo le cose, i numeri parlano da soli. La Formula 1 è più veloce, significativamente più veloce.

La Formula 1 è più veloce del 15%

C'è una differenza su una buona pista lunga cinque chilometri quasi quattordici secondi. Ogni miglio è Hamilton per 2,49 secondi più veloce di Energia, che dopo tutto non è strano. L'auto da corsa di Formula 1 ha 260 cavalli in più e genera una spinta aerodinamica del 30 percento in più. I tempi dei minisettori e le velocità medie in essi rivelano dove si crea la più grande differenza. Le curve sono dove un'auto da corsa F1 fa una seconda o più differenza a poche centinaia di metri, a una velocità media che può arrivare fino al 30 percento in più rispetto alla macchina della serie IndyCar. Spinta aerodinamica in tutta la sua efficienza e con l'aiuto di un'aderenza aggiuntiva degli pneumatici.

Il turno di qualificazione di Hamilton per il Gran Premio degli Stati Uniti del 2019.

L'auto di Formula 1 è molto più potente, ma sugli aerei il ritardo di IndyCar è ancora in qualche modo ridotto. Per 621 metri tra l'11 ° e il 12 ° minisettore je Hamilton ci sono voluti 7,315 secondi, Utilities e altri 1,013 secondi. Tuttavia, la differenza di velocità alla fine è di ben 38 km / h.

Un confronto diretto tra le due auto da corsa, con Indy testato prima della stagione.

Nel complesso, Hamilton è per 15 percento più veloce dall'australiano in IndyCar, ma i rapporti tra le due serie cambieranno sicuramente in futuro, poiché la F1 intende ridurre i costi e rinunciare a una parte della pressione al suolo, e IndyCar sta pianificando un nuovo design automobilistico e propulsori ibridi in grado di superare i 2022 cavalli per il 900.

Decisione consapevole di Williams: due passi indietro per tre passi avanti

Gran Premio di Svizzera 1953: l'ultima vittoria del grande Alberto Ascari